Post

Al ponte al ponte!

Immagine
Da troppi anni un tira e molla stucchevole vanifica l'intrapresa di una delle opere che potrebbero dare gran lustro all'Italia e, soprattutto, impulso all'economia asfittica del nostro Paese e a quella inesistente del Sud Italia: il ponte sullo Stretto di Messina. Opera che sconta la diffidenza di buona parte degli opinion makers nostrani che si riflette sull'opinione pubblica nazionale, in parte convinta da notizie semplicemente false (propalate da stampa ideologizzata tipo: il Fatto quotidiano) della non realizzabilità dell'opera, dell'inutilità, ecc... Balle, semplicemente balle. E, siccome mi sono un po' stufato di cercare di smentire tutti questi luoghi comuni, pur avendolo fatto - ad esempio - dalle pagine di Repubblica http://palermo.repubblica.it/commenti/2016/10/15/news/il_coraggio_di_fare_un_ponte_sullo_stretto-149840884/ e in cento altri contesti, mi sono deciso di scrivere un libro che contenga tutte le informazioni vere sulla materia e tutte le…

Ape Crash

Immagine
Periodicamente mi viene in mente un episodio di parecchi anni fa, ai tempi della spensieratezza e della gioia di vivere. Una vita fa. Fu qualcosa che turbò questo mio stato d'animo, minandolo abbastanza. L'episodio è questo.
Ero su un treno e, come ogni mattina, facevo la mia oretta di percorso su uno scassato locale di Trenetiopia. Ad un certo punto, superato T.I. ma prima di arrivare a T. vedo sulla strada lato monte che costeggia la linea ferroviaria, una "tre ruote" (Ape Piaggio) affrontare una curva a gomito perfettamente a sinistra (lato interno curva invece che esterno). Contemporaneamente vedevo che, con velocità non trascurabile, un'auto arrivava dall'altro lato, tenendo la destra, perfettamente sincronizzata per l'impatto. Non vidi l'incidente, perché il treno sfrecciò via. Nessuno disse niente, e forse nessuno vide niente. Io ebbi come l'impressione di aver subito un pugno nella pancia fortissimo. Provai quella sensazione d'impotenza…

Il razzismo verso il Sud tratto costitutivo dell'Italia

Immagine
L'incidente sulla linea ferroviaria pugliese del 12 luglio è servito. E' servito a dipanare quella matassa di dubbi che avevo sul fatto che l'Italia ( la sua opinione pubblica, i partiti, lo Stato, i governi, i media) fosse profondamente razzista nei confronti del Meridione. Nessun dubbio, è così.  Non si spiegherebbero altrimenti i luoghi comuni tirati fuori dai commentatori della domenica (siete lavativi, vi rubate i soldi delle opere pubbliche, ecc) e sciorinati come verità dogmatiche. Non si spiegherebbe altrimenti il silenzio dei commentatori di fama (Michele Serra, Massimo Gramellini, ecc...) sulla verità palmare dei numeri: al Sud non si investe in infrastrutture da oltre 20 anni!!! Ultimo esempio, il piano d'investimenti ferroviari presentato a febbraio 2016 dal governo Renzi-Delrio che riserva al Meridione solo 474 milioni dei nove miliardi totali previsti.Il 5% Avete mai sentito questa notizia? No? E sapete perché? Perché in questo Paese c'è un criptolegh…

Post

Post

Vecchioni - Sicilia: Vuci a san Siro

Immagine
Arriva Roberto Vecchioni, e dice certe cose sulla Sicilia, parla di "razza siciliana", parla di "Isola di merda" perché a Palermo c'erano auto parcheggiate in tripla fila, e "400 persone su 200" (?) senza casco, ecc... Io all'inizio, quando la notizia era un po' vaga ho pensato che si trattasse di un caso di "Forse non lo sai ma pure questo è amor", e l'ho pure un po' difeso. Ma poi...visto che ho saputo i dettagli; visto che il discorso pronunciato in quell'Aula magna di Ingegneria, dove mi laureai, non mi convinceva per niente; visto che quelle parole avevano dato la stura al luogocomunismo più becero, insito in gran parte degli italiani...basta, ti rispondo.
Intanto tu vieni da Milano. Dove tutto quel tantissimo in fatto di servizi, infrastrutture, ecc... c'è perché lo Stato ha investito un sacco di soldi in quella zona piuttosto che al Sud, ad esempio: questo non scordiamocelo mai. Forse, dunque, quelle auto in te…

il mio amico siriano

Scritto qualche mese fa:
Da qualche giorno ho un amico siriano. Si chiama F. Cose che possono capitare, prendendo un treno per il “Continente” da una stazione siciliana. Entrato nello scompartimento del vecchio Intercity, che Trenitalia offre agli isolani come massima espressione di qualità, ho trovato questo ragazzo con aria un po’ stralunata e leggermente preoccupata. Ai miei convenevoli ha risposto pregandomi di parlare in inglese, perché non conosceva l’italiano. Il suo aspetto era curato, i tratti somatici e la carnagione non mi suggerivano risposte precise sul suo Paese di provenienza. Poco male, visto che dopo pochi istanti me l’ha comunicato spontaneamente: “I’m from Siria: Damasco”. Ed è stato abbastanza scioccante, quanto chiarificante, per me, apprenderlo. Avevo di fronte uno cui la Storia era passata addosso con un carro armato. A scanso di equivoci, F. aveva un regolare biglietto a prezzo pieno, ed una coincidenza a Napoli per recarsi a Milano, da dove poi si sarebbe spost…

Fescion Post (Che la donna vuole l'uomo nudo)

Immagine
Care femmine,
 ma sto pover'omo, come lo volete vestito? Perché a leggere, a sentirvi spatuliàre, a vedere le vostre espressioni sui più variegati fototipi di masculu estivo non vi sta bene niente. Quello che mi ricordo è quanto segue:

NO ASSOLUTO:

- Calzini bianchi corti (titolo geniale di questo blog)
- Pinocchietti (giusto)
- il 99% dei tre tipi di sandali per uomo in commercio
- Scarpe colorate
- Camicie fantasia
- Camicie unica tinta
- Fantasmini 
- Cappellini
- Occhiali da sole a goccia


NO:

- Pashmina unica tinta vivace o a fantasia
- Infradito di qualsiasi tipo
- Giubbotti stile tecnico/motociclistico
- Sahariana
- Scarpe stile Merrel
- Giacca e cravatta
- l'1% dei tipi di sandali per uomo in commercio
- Polo col bavero alzato (giusto)

SI

- Giacca senza cravatta


Rimango in trepidante attesa di suggerimenti riguardo alla terza categoria. Nel frattempo io mi metto i pantaloncini ed esco (Ché i calzini li ho già...)
                                                 Immagini di repertorio (non m…